Crea sito

Salsa di Pomodoro

E-mail Stampa PDF

La salsa di pomodoro è un ottimo contorno, simbolo dell'Italia. Per molto tempo sono stata all’estero, e una cosa curiosa che ho avuto modo di notare è che, molto spesso, per pubblicizzare la passata di pomodoro si utilizzano italian sugo - dolmiopersonaggi che parlano con marcato accento italiano (si pensi solo alla scena del Padrino dove Clemenza spiega a Mike come fare il sugo per la pasta!!)

Ci pensavo ieri, mentre dai nonni preparavamo la Salsa di Pomodoro (o “la salsa”, come dice mia nonna), un must nella cultura della mia famiglia.

Abbiamo 4 “ricette di famiglia” per la conserva dei pomodori:

-  La “Salsa Pronta”: i pomodori vengono puliti e spezzettati, cotti con cipolla, peperoncino e spezie varie fino ad ottenere una salsa pronta che viene poi imbarattolata (come la marmellata di prugne).
-  I fantastici “Pomodori Secchi” della nonna, uno dei più buoni tra i suoi sott’oli (di cui cercherò presto di carpire i segreti)
-  I “Pomodori a pezzi”, che vengono puliti, bolliti e conservati in grossi barattoli.. gnam gnam!
-  La “salsa” in bottiglia: è la ricetta di cui vado a parlare in questo post!

pomodori

 

La salsa in bottiglia è una salsa “neutra”, nel senso che può poi essere poi usata per la preparazione dei più svariati sughi (nonché per lasagne, pasta al forno, parmigiana...) Attenzione al fatto che questa salsa è precotta ma non pronta. Rrimane molto liquida e si presta quindi ad una cottura successiva: in questo modo può assorbire i sapori dei cibi con i quali verrà poi preparata. Ecco cosa abbiamo fatto:

PREPARAZIONE

Abbiamo prima di tutto preparato il necessario abbiamo:

pomodori a pezzetti-  raccolto i pomodori, lavandoli bene e tagliandoli a pezzetti, eliminando tutti i pezzi scuri e quei pomodori dall’odore acido;
-  lavato le bottiglie (noi solitamente usiamo bottiglie di birra medie in quanto basta lavarle bene per essere in grado di riutilizzarle più volte sempre con ottimi risultati!)

-  preparato i tappi a corona (mi raccomando, usarne sempre di nuovi!costano pochissimo e non si rischia di dover poi buttare tutto il contenuto di una bottiglia perchè questa non era ben sigillata..)
basilico-  raccolto e lavato il basilico e la “cerea” (il nome piemontese della Santoreggia!)
-  montato la "macchina per la salsa" (di cui andremo a parlare dopo), andando a mettere già del sale sul fondo della bacinella che sarà usata per la raccolta della salsa.
cerea- Inserito una certa quantità (diciamo costante..) di basilico e cerea in ciascuna bottiglia, avendo cura che non rimanessero a bloccare l'imboccatura delle bottiglie.

 

PROCEDIMENTO

macchina per la conservaA dire il vero la parte più lunga di tutto il processo è la preparazione!! in questa fase bisogna più che altro fare attenzione alle mani...
Va sottolineato che, se per la produzione del sugo pronto basta un mixer per lo sminuzzamento dei pomodori, qui la macchina di cui in figura si rende necessaria, poichè i pomodori crudi sono troppo tosti da essere sminuzzabili con qualsiasi altro apparecchio, senza che questo ci abbandoni per sempre...

bucce dei pomodoriRiprendiamo con la preparazione: bisogna inserire i pomodori nell'imbuto a destra, mescolare la salsa che va a finire nella bacinella con il sale affinchè tutto il pomodoro assimili la stessa quantità di sale. Le bucce (o pelli, che dir si voglia) vengono raccolte dalla macchina a sinistra: queste dovranno poi reinserite nell'imbuto 2 o 3 volte (altrimenti si va a sprecare la parte migliore!!!salsa), avendo cura di mescolarle a pezzi di pomodori per non forzare troppo il motore della macchina.
Io sono da anni l'assaggiatore ufficiale, poichè adoro il sapore della salsa prima che sia cotta.. vi consiglio però di assaggiarla comunque, anche se non ne siete particolarmente ghiotti, per verificare che la salatura sia adeguata.

IMBOTTIGLIATURA

imbottigliamo la salsa!Una volta che tutti i pomodori sono stati passati ( o che si è riempita una bacinella, se si è in tanti) si può cominciare a riempire le bottiglie, avendo cura che la salsa di pomodoro non superi l'imboccatura del collo della bottiglia (questo per evitare che le bottiglie scoppino durante la bollitura). Quando le bottiglie sono riempite devono poi essere tappate: per questa operazione i nonni hanno un apposito marchingegno (non credo che sia molto costoso) che permette di sigillare i tappi sulle bottiglie facendo pressione su una leva.

BOLLITURA

fustoQuando tutte le bottiglie sono tappate, devono essere bollite per assicurare la loro conservazione nel tempo (l'altro giorno ho aperto una bottiglia del 1998 che era ancora in ottimo stato! ora, non vi prometto una durata simile, ma sicuramente dureranno senza problemi fino all'estate successiva).

Le abbiamo quindi disposte sdraiate, ordinatamente, all'interno di un grosso (pentolone?non saprei come chiamarlo, guardate la foto) e ricoperte di acqua.

Le bottiglie dovranno cuocere, dal momento dell'ebollizione, per un ora circa, quindi dovranno essere lasciate nell'acqua in modo tale che il loro raffreddamento sia lento e graduale.

e poi...beh seguite il nostro blog di cucina per sapere come utilizzarla!!!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Febbraio 2013 18:01  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ABOUT LANDESCAPE

Una raccolta di idee verdi, ricette semplici, conoscenze contadine e del passato.. tutti gli ingredienti per accelerare insieme verso una decrescita consapevole. Le nostre ultime scoperte le trovate in homepage, tutto il resto è nel blog, suddiviso per categorie (cucina, faidate, agricoltura, riflessioni)!

..NEWS LETTER..

Iscriviti alla nostra news letter per sapere quando un nuovo articolo viene pubblicato! (non useremo il tuo indirizzo per inviarti spam!)








Italian - Italy


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...