Crea sito
Home Il Metodo L'Agricoltura Sinergica

Agricoltura Sinergica

E-mail Stampa PDF

L'Agricoltura Sinergica è un metodo di coltivazione del terreno elaborato da Emilia Hazelip, sull'onda lunga delle opere di Fukuoka.

Si tratta del metodo più naturale praticamente realizzabile. In esso vengono parzialmente riscritti i 4 principi del metodo Fukuoka, ovvero:

NON ARARE ( principio derogabile una tantum)

coltivazione intensiva e siccità Rispetto al primo principio la differenziazione operata dalla Hazelip si basa sulla triste realtà che molti terreni europei coltivati "scientificamente" hanno perso il loro tessuto vitale, diventando strumento amorfo ad uso e consumo dell'uomo. Pertanto è spesso necessaria, su terreni con un passato "scientifico", procedere ad una lavorazione del terreno più o meno importante in relazione alle caratteristiche effettive del terreno, un terreno compattato potrebbe aver bisogno di "un'allentata".

La derogabilità una tantum dà conto di una volontà di lavorare la terra per l'ultima volta cosicchè possa riprendere il cammino spontaneo verso la naturalezza.

NON FERTILIZZARE ( meglio non utilizzare fertilizzanti artificiali)

Sempre in relazione allo stato effettivo del terreno può rendersi necessaria, contestualmente alla lavorazione profonda del terreno, una aggiunta di fertilizzante naturale che acceleri il processo di riequilibrio. La procedura in parola è assolutamente eventuale, e nel un bancalecaso venga adoperata deve essere l'ultima: il fertilizzante "esogeno" è un doping per il terreno che andrebbe evitato.

Una volta costituiti i "bancali", che rappresentano uno dei marchi di fabbrica dell'Agricoltura Sinergica, la loro copertura con pacciamatura naturale, faciliterà un processo di autofertilità del terreno.

NON UTILIZZARE PESTICIDI

Qui non ci sono problemi.

COSTRUIRE O RICOSTRUIRE SINERGIA FRA LE PIANTE

pianteQuesto è sicuramente il tratto caratterizzante la teoria Sinergica, poiché ricerca, attraverso una sorta di "dialogo" fra le piante un vantaggio reciproco in termini di difesa dai parassiti o di creazione di un microhabitat migliore.

In sostanza, è richiesta la presenza su ogni bancale di almeno 3 specie diverse di piante con presenza obbligatoria di una LEGUMINOSA ( fava, fagiolo, lenticchie ma anche Trifoglio), PIANTA IN GRADO DI FISSARE L'AZOTO, ed una LILIACEA ( aglio, cipolla, porro ma anche il Giglio) pianta in grado di svolgere una funzione antiparassitaria.

Qui si passa alla PRATICA.



Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Luglio 2012 10:02  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ABOUT LANDESCAPE

Una raccolta di idee verdi, ricette semplici, conoscenze contadine e del passato.. tutti gli ingredienti per accelerare insieme verso una decrescita consapevole. Le nostre ultime scoperte le trovate in homepage, tutto il resto è nel blog, suddiviso per categorie (cucina, faidate, agricoltura, riflessioni)!

..NEWS LETTER..

Iscriviti alla nostra news letter per sapere quando un nuovo articolo viene pubblicato! (non useremo il tuo indirizzo per inviarti spam!)








Italian - Italy


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...